Categorie
Generale Interviste Medical corner

Protezione solare e corsa: i consigli dell’esperto

La corsa comporta spesso una prolungata esposizione al sole. Ma qual è il modo migliore per proteggersi dalla luce solare diretta? In una intervista con il Prof. Dr. Christian Surber, abbiamo avuto l’occasione di chiarire alcuni aspetti sul tema della protezione solare e dell’esercizio fisico.

 

Prof. Dr. Christian Surber, dottore in dermatofarmacologia e farmacologia ospedaliera; professore associato e ricercatore presso le cliniche dermatologiche degli Ospedali Universitari di Basilea e Zurigo. La sua ricerca si concentra sulla prevenzione e sul trattamento del cancro della pelle. È esperto di protezione solare per la Società Svizzera di Dermatologia e Venereologia.

 

Quali sono i problemi legati alla protezione solare e alla corsa?

Attività come il ciclismo, l’escursionismo o la corsa sono spesso svolte alla luce diretta del sole, è pertanto importante sapere come proteggersi adeguatamente, soprattutto in estate. Uno dei problemi principali è la grande quantità di protezione solare che si perde per esempio nuotando o asciugandosi il sudore. I fattori “clima” e “usura” possono essere neutralizzati solo riapplicando regolarmente la crema solare. Anche indossare cappellini, indumenti con maniche, guanti e occhiali da sole è un mezzo di protezione molto efficace.

Qual è il fattore di protezione solare più adeguato? Quale SPF si dovrebbe usare in quali condizioni?

Per le attività sportive all’aperto, si raccomanda di utilizzare prodotti con un fattore di protezione solare (SPF) pari o superiore a 50 (50+). Oltre all’SPF (la principale caratteristica prestazionale per la protezione nella gamma UV-B), è importante assicurarsi che il prodotto protegga anche nella gamma UV-A. Questo è riconoscibile dal logo UV-A sulla confezione: un cerchio con la scritta “UVA” all’interno.

sunscreen

Come applicare correttamente la protezione solare?

Le prestazioni di protezione solare dichiarate da un prodotto si basano su test di laboratorio effettuati su volontari. In questi test, la protezione solare viene misurata con 2 mg di prodotto per cm2 di pelle. Normalmente, ne applichiamo la metà (o meno) sulla pelle. Inoltre, spesso si trascurano zone importanti della pelle (come le orecchie e la fronte). Consigliamo di applicare la crema solare due volte prima di uscire al sole (la seconda volta è necessario applicare la crema sulle zone dimenticate!).

Esistono in commercio prodotti specifici per lo sport con formule resistenti all’acqua e al sudore?

La resistenza all’acqua di un prodotto solare viene valutata attraverso un test standardizzato su volontari in laboratorio. Se, dopo due periodi di 20 minuti in piscina, il fattore di protezione solare è ancora pari al 50% del valore SPF dichiarato, il prodotto è classificato come “impermeabile”; dopo quattro periodi di 20 minuti, la classificazione è “extra impermeabile”. La misurazione della resistenza al sudore non è standardizzata. Tuttavia, non bisogna fidarsi ciecamente di queste classificazioni e si raccomanda di riapplicare la protezione solare dopo ogni asciugatura.

La protezione solare è efficace solo dopo mezz’ora?

Spesso si raccomanda di applicare la protezione solare sulla pelle da 20 a 30 minuti prima dell’esposizione al sole. Si pensa erroneamente che la protezione solare sia efficace solo dopo questo tempo. La ragione di questa raccomandazione è ben diversa! La maggior parte delle creme solari contiene componenti volatili come acqua e alcol. Solo dopo che queste componenti si sono volatilizzate, il prodotto solare si “attacca” alla pelle.

Posso smettere di usare la protezione solare una volta abbronzato?

L’abbronzatura è un meccanismo di protezione della pelle contro i raggi UV. Tuttavia, il potere protettivo dell’abbronzatura è molto debole. Nonostante l’abbronzatura, non bisogna mai smettere di proteggersi dal sole con la protezione solare. Utilizzare sempre prodotti con il fattore di protezione solare più alto possibile (SPF 50+) durante le attività sportive all’aperto.

Spesso si teme che una protezione solare molto alta possa compromettere la produzione di vitamina D nella pelle: qual è la verità?

Le creme solari non interferiscono con la produzione di vitamina D perché non bloccano mai completamente l’ingresso dei raggi UV nella pelle (per maggiori informazioni, guardare il filmato “Sunscreens: SPF50 protects five times better than SPF10“). Inoltre, le creme solari non vengono quasi mai applicate nella quantità necessaria (2mg/cm2) per ottenere il fattore di protezione solare indicato. Inoltre, nella vita quotidiana ci sono molte situazioni in cui la pelle è esposta a una luce solare moderata che consente la produzione di vitamina D. La capacità della pelle di produrre vitamina D diminuisce con l’età. La vitamina D “mancante” può essere facilmente integrata (ad esempio con le gocce Vi-De 3®).

Come si fa a sapere se la pelle è danneggiata?

La pelle fotodegradata appare soprattutto sul viso, sulle orecchie, sulla testa calva, sulla scollatura, sugli avambracci e sul dorso delle mani con macchie bianche e marroni. In seguito, i segni dell’invecchiamento cutaneo diventano sempre più evidenti. Si possono anche sviluppare varie forme di cancro della pelle. La pelle danneggiata dalla luce può essere visualizzata in dettaglio con una telecamera UV. Per saperne di più, guardate il filmato su YouTube “How The Sun Sees You“.

Le nanoparticelle presenti nelle creme solari sono pericolose?

I filtri solari sono presenti nei prodotti solari sia disciolti come singole molecole sia in sospensione come nanoparticelle o microparticelle. La maggior parte dei prodotti solari in commercio contiene molecole filtranti disciolte. Purtroppo esiste una paura generale per molte cose che contengono la parola “nano”. Nel contesto delle creme solari, spesso si sospetta che le particelle penetrino nella pelle e provochino malattie nell’organismo. A differenza delle molecole filtranti disciolte, i filtri solari costituiti da nano o micro particelle NON POSSONO penetrare nello strato superiore della nostra pelle (strato corneo). Le nano o micro particelle sono troppo grandi rispetto alle molecole filtranti disciolte. Pertanto, i prodotti di protezione solare che contengono nano o micro particelle sono tra i prodotti più affidabili.

Ci sono prodotti che non consiglierebbe?

Oggi è disponibile una grande varietà di prodotti. La cosa più importante per qualsiasi consumatore o paziente è trovare un prodotto che sia piacevole e comodo da applicare sulla pelle. In generale, i prodotti solari spray sono sconsigliati. In primo luogo, quando si spruzza, si perde circa un terzo del prodotto nell’atmosfera; in secondo luogo, molti prodotti spray contengono componenti che evaporano rapidamente e il prodotto rimane concentrato solo localmente; in terzo luogo, contrariamente a quanto viene pubblicizzato, anche i prodotti spray di solito devono essere applicati sulla pelle manualmente.

 

Desideriamo ringraziare il Prof. Dr. Christian Surber per l’interessante conversazione e per le informazioni utili!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.