The runningEffect – Perché corro – Ruth Helfenstein

Categorie

Ruth Helfenstein ha ormai 90 anni ed è ancora in piena forma fisica e mentale. La corsa ha contribuito significativamente a tutto ciò. In questa intervista ci racconta come è stato possibile.

Oggi Ruth corre per la sua salute. Vuole rimanere in forma anche in età avanzata, e la corsa è il suo mezzo per farlo. “A 90 anni, sicuramente non si diventa più veloci, ma correre mi fa ancora bene. Mi mantiene in forma e mi fa sentire in pace con me stessa”, così la basilese descrive la sua passione per la corsa. La routine di corsa di Ruth è impressionante: ogni giorno marcia o corre e una volta alla settimana gareggia in una corsa virtuale di 5 chilometri. Tuttavia, non è sempre stato così.

Nata nel 1931 e cresciuta nella Svizzera centrale durante la seconda guerra mondiale, la corsa non è mai stata un elemento centrale nel suo ambiente. E certamente non per lei come donna. È solo all’età di 58 anni che ha iniziato a correre: “Il mio ragazzo mi ha convinto a partecipare alla Swiss Women’s Run. Non avevo idea di come avrei fatto, quindi ho seguito un piano di preparazione di 10 settimane. All’inizio, il programma alternava un minuto di marcia e un minuto di jogging facile. All’epoca era una bella sfida per me”. Ma ha perseverato e la corsa è diventata improvvisamente sempre più piacevole. Ripensandoci, Ruth sa che questa gara femminile ha segnato l’inizio di un nuovo capitolo della sua vita.

Ruth Helfenstein

La corsa e gli effetti della stessa divennero parte integrante della vita di Ruth. Decise di unirsi a un gruppo di corsa, dove fece delle amicizie che durano ancora oggi. E ha iniziato a esplorare il mondo correndo: “Ho corso in almeno un evento in ogni continente del mondo. Che fosse la mezza maratona “TwoOceans” a Città del Capo, la maratona di Berlino o la mezza maratona di New York, la corsa mi ha portato in giro per il mondo. Oggi sono molto grata per questo”. In questo processo, la “nuova” Ruth si è fatta un nome anche nelle categorie master. Può definirsi una pluricampionessa del mondo per gruppi di età, e ha anche detenuto il record mondiale indoor dei 400m per gli over 80 per un certo periodo.

Quando due anni fa è iniziata la pandemia Coronavirus e Ruth ha dovuto cancellare la sua prevista partecipazione alla mezza maratona di New York, si è brevemente convinta di aver “chiuso” con la corsa. Ma nel maggio dello stesso anno, ha scoperto da sola le corse virtuali dell’applicazione viRACE. Era particolarmente presa dalla Migros Run N’ Win settimanale, come dimostrano le sue oltre 90 partenze nella corsa virtuale di 5 km.

Oggi, a più di 90 anni, le conseguenze dell’attività podistica di Ruth sono ancora onnipresenti nella sua vita quotidiana: “La mia generazione non esiste più, a volte mi sento come un residuo di essa”. Molti dei suoi coetanei sono morti, dice, e altri hanno problemi di umore e di attività. “Sono grata di non essere in giro a piagnucolare su una sedia a rotelle. Certo, non si può mai influenzare la salute al cento per cento, ma grazie alla corsa la mia salute ha approfittato di tanti benefici. Ne sono orgogliosa”, dice Ruth.

Ma nemmeno Ruth può fermare completamente il processo di invecchiamento. La prende con umorismo: “L’unico modo per vivere a lungo è invecchiare. Questo è qualcosa che si deve accettare”. Quest’anno, sta progettando un viaggio di corsa a Minorca. Lì farà un po’ di jogging e, soprattutto, escursioni – in altre parole, principalmente farà qualcosa di buono per la sua salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *