Tapering e Ritmo per una Maratona con il Membro del nostro Team, T-Roy Brown

Categorie

Il membro del nostro team T-Roy Brown si è piazzato all’undicesimo posto della maratona di Stoccolma con il tempo di 02:22:26. Abbiamo parlato con lui dei suoi problemi di tapering, del ritmo e del recupero dopo la gara.

02:22:26 è senza dubbio un ottimo tempo, di cui T-Roy è sostanzialmente soddisfatto. Anche se ha mancato il suo record personale di Parigi di 17 secondi, la gara di Stoccolma, con i suoi molteplici metri di altitudine, non è certo la più veloce e i 20 gradi Celsius non erano la temperatura preferita da T-Roy. Tuttavia, il vero obiettivo sarebbe stato un tempo inferiore a 2:18, che avrebbe significato lo standard per i Trials olimpici statunitensi.

Il ritmo

Prima della corsa, gli era chiaro che le possibilità di raggiungere il limite erano solo del 10% circa. Gli infortuni subiti durante i mesi invernali lo hanno costretto a passare al tracciato non ottimale di Stoccolma. Tuttavia, era determinato a provarci e accettava consapevolmente il rischio di perdere tempo alla fine.

Di conseguenza, ha iniziato la prima metà della gara in modo molto offensivo e ha superato il traguardo della mezza maratona con un tempo di 01:08:32, più o meno secondo i piani. Ha però dichiarato di aver corso i primi 5 km un minuto più velocemente del previsto perché ha avviato il cronometro un po’ troppo presto e quindi non ha mai avuto il controllo del ritmo. Verso la fine ha dovuto pagare per la partenza troppo veloce.

Fase di tapering prima della maratona

Interessanti sono anche le sue dichiarazioni sul tapering prima della maratona, che in questo caso specifico è durato una settimana e ha incluso tra l’altro 3 giorni di riposo:

“Il tapering mi sembra terribile. So che è giusto e importante, ma le mie gambe si sentono peggio durante il tapering che durante una normale settimana di allenamento. Inoltre, nel primo giorno di riposo non sapevo nemmeno cosa fare con tutto quel tempo”.

Invece dei normali 150 chilometri di corsa, la settimana precedente ha percorso “solo” 50 chilometri a piedi.

Ulteriori informazioni e consigli sul tapering

Recupero dopo la maratona

T-Roy non vuole rinunciare completamente allo sport durante la fase di recupero. Nella prima settimana rinuncerà completamente alla corsa e alle sessioni di allenamento intenso, ma manterrà i muscoli in movimento in piscina e in bicicletta, poiché ha scoperto che questo favorisce il recupero anziché ostacolarlo. Tuttavia, non pianifica questi allenamenti in anticipo, ma si limita a fare ciò che si adatta alla sua routine quotidiana.

Ulteriori informazioni sul recupero dopo la gara obiettivo

Il prossimo attacco allo standard

Il suo prossimo attacco allo standard dei Trials olimpici statunitensi sarà il 16 ottobre ad Amsterdam. Lì il percorso è più pianeggiante e le possibilità di ottenere il tempo richiesto sono molto più elevate.

T-Roy Marathon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *