Categorie
Funzioni Generale

Come inserire le pause e le interruzioni degli allenamenti in running.COACH

L’allenamento non va sempre come previsto. Malattie o infortuni, ad esempio, possono comportare una pausa dall’allenamento per un certo periodo di tempo. Dopo una pausa così forzata, è importante riuscire a rientrare adeguatamente nel piano di allenamento per evitare infortuni e per poter progredire. In questo articolo ti mostreremo come adattare il tuo running.COACH dopo una pausa di allenamento per tornare al più presto al livello di prestazioni pre-interruzione.

Dopo quanti giorni di pausa il piano va modificato?

Le brevi pause di allenamento non richiedono un adeguamento del piano. Se si perdono solo alcune sessioni di allenamento, ciò può ovviamente essere registrato, ma l’allenamento può continuare come di consueto. Solo dopo aver saltato quattro o più sessioni, consigliamo di ridurre leggermente il carico di allenamento quando si torna a correre.

Come posso regolare il piano in running.COACH?

Naturalmente, running.COACH consente di decidere quando una regolazione è necessaria e quando no. È importante segnare tutte le sessioni di allenamento perse come tali.

A tal fine, fai clic sulla sessione di allenamento in questione e poi su “Annullare”. A questo punto si avrà la possibilità di inserire un motivo per la mancata sessione di allenamento.

Effettua la regolazione (per tutte le sessioni perse) il giorno in cui puoi riprendere l’allenamento. Dopo 4 sessioni mancate, ti verrà suggerito di seguire un piano di riabilitazione.

Nota: il piano di rientro running.COACH è adatto a pause di breve o media durata. Dopo malattie/lesioni molto lunghe, il reinserimento deve avvenire in seguito alla consultazione di un medico professionista.

Inserisci le vacanze

In running.COACH c’è anche la possibilità di inserire le vacanze imminenti nelle configurazioni del piano di allenamento (IL MIO ACCOUNT → IMPOSTAZIONI).

Questa funzione indica al piano che non deve essere programmato alcun allenamento per il periodo di tempo specificato. Il piano presuppone che si svolga l’allenamento, ma che questo avvenga senza alcuna specifica. Per questo motivo, non viene generato alcun piano di rientro dopo l’inserimento di un’assenza per ferie.

Nel caso in cui il soggiorno di vacanza duri più di 10 giorni e non vengano svolte attività sportive, le sessioni di allenamento devono essere contrassegnate come non svolte tramite il pulsante “Annulla”, allo stesso modo delle interruzioni per infortunio/malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.